sabato 18 febbraio 2012

I MUNGITORI


I mungitori non praticavano molto la poesia.
Non che la disprezzassero ma era un duro lavoro, il loro.
Alzarsi prima dell’alba a svuotare le mammelle gonfie delle vacche
Aspettare il camion del latte e poi
Fare semplicemente ciò che andava fatto.
I mungitori cadevano sul materasso ben prima del tramonto
Con un russare che non ammetteva obiezioni.
Non sarebbe stato certo d’aiuto per loro
Sedersi davanti al camino
Snocciolando gli amari sillogismi di Cioran
Ma i mungitori amavano i loro animali
Li accarezzavano, anche se poi li mangiavano
La loro poesia non era fatta di parole inutili
La poesia era nel loro sguardo silenzioso
Non sapevano che farsene i mungitori, della poesia.
Perché erano loro la poesia.
Quella che non si scrive su nessun foglio
Quella che nessuna Rose Auslander
Avrebbe mai potuto possedere
Ma solo ammirare.

12 commenti:

Inneres Auge ha detto...

per fortuna che ci sono (perché da qualche parte ancora non usano i robot) i mungitori. Beati loro che toccano sise a tutt'andare...

ma belle pure quelle della foto qui giù

gattonero ha detto...

I felini della foto sono umanoidi travestiti; nel senso carnevalesco, intendo.
Ciao.

gattonero ha detto...

I felini della foto sono umanoidi travestiti; nel senso carnevalesco, intendo.
Ciao.

gattonero ha detto...

Beh, perché due?
Mah!

Pierluigi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ladynight ha detto...

non sempre il silenzio è prezioso, spesso chi tace è perchè non ha niente da dire...per incapacità o volontà.

Soffio ha detto...

bel tiro, vera classe

kermitilrospo ha detto...

ne parli al passato come se non esistessero più. i mungitori pur usando la tecnologia sono ancora ben presenti in tante realtà contadine come nella mia zona. Oggi però sono quasi tutti indiani

alpexex ha detto...

"chi scrive poesie / chi tira le reti" (r gaetano)

Saamaya ha detto...

La POESIA non ha mai parole inutili e poi, come citi tu, in casi magici, ti permette di viverci dentro.

davide idee ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
davide idee ha detto...

non c'è miglior poesia della vita