sabato 9 ottobre 2010

I DENTI DEL NON EBREO (Una storia amorale)



Nel film "A Serious Man" dei fratelli Coen ad un ebreo, Larry Gopnik, comnicia ad andare tutto storto e, disperato, si rivolge ad un rabbino per chiedergli se i suoi guai non siano il segno che Dio gli voglia dire qualcosa che lui non riesce a capire.
Il rabbino allora gli racconta la storia dei denti del non ebreo. 
Un giorno, un dentista ebreo si rivolge a lui perchè ha scoperto che un suo cliente non ebreo, ha incisa, all'interno dei suoi denti inferiori, una scritta in ebraico che significa: "Salvami!"
Il dentista gli chiede quindi:
Mi dica rabbino, un tale segno, che cosa significa?
A questo punto il rabbino interrompe il racconto. Allora Larry Gopnik gli chiede:

"E lei che cosa gli ha risposto?"

"E’ rilevante?"

"Non è per questo che me l’ha raccontato?"

"D’accordo. Gli dissi: i denti? Non sappiamo.Un segno di Dio? Non sappiamo. Aiutare gli altri? Non fa danno."

"Ma per chi era il messaggio?"

"Non possiamo sapere tutto."

"Pare che lei non sappia niente. Che successe al dentista?"

"Che poteva succedergli? Niente di che. Per un po’ continuò a cercare messaggi nei denti dei clienti. Poi si accorse di non farlo più. Ritornò alla vita. Queste domande che ti turbano, forse sono come il mal di denti.
Le senti per un po’ e poi spariscono."

"Ma io non voglio che spariscono. Voglio una risposta."

"Certo, tutti vogliono una risposta..Dio non ci deve la risposta, Dio non ci deve proprio niente. L’obbligo è al contrario."

"Perché lui ci fa avvertire le domande se poi non intende darci le risposte?"

"Non me l’ha detto."

"E che fine ha fatto il non ebreo?"

"Chissenefrega!"

LA MORALE DI QUESTA STORIA E' CHE NON TUTTE LE STORIE HANNO UNA MORALE.
NON TUTTO QUELLO CHE SUCCEDE DEVE AVERE UN SIGNIFICATO O UN MOTIVO.
SUCCEDE E BASTA.
a detto.ntende darci le risposte?

8 commenti:

Erotici Eretici ha detto...

Se non mi avessi raccontato che si trattava di un non ebreo e di un rabbino avrei pensato fosse un dialogo tra donne. Credo sia una bella morale, che noi donzelle dovremmo tenere più spesso a mente per non incorrere sempre in una dietrologia senza fine. A volte ci rompiamo il capo nel cercare una spiegazione a tutto, basta forse accettare un pò di più le cose per quello che sono. Yin

gattonero ha detto...

Se il messaggio fosse stato inciso sul dente di un ebreo, un suo significato lo avrebbe avuto, eccome!
Sul dente di un non ebreo, era forse solo il grido di un dente (l'ultimo?) che chiedeva di essere risparmiato dall'estirpazione.
Troncato così, il racconto lascia il dubbio: sarà stato salvato?
Ininfluente se lui persona o il suo dente.

web runner ha detto...

Splendido umorismo yiddish. Mi ricorda il grande Moni Ovadia.
O Woody Allen: "ho chiesto al rabbino quale fosse il senso della vita. Lui mi ha risposto, ma in ebraico. Io non conosco l'ebraico".
La morale, se proprio se ne vogliono trovare, potrebbe essere che le risposte non ci vengono dall'alto, ognuno ha la propria e la deve trovare da sè.
Se proprio c'è da trovarne una.

petrolio ha detto...

io sono per i nonsense, per i controsense, quindi… perfetto, anzi no, imperfetto, echissenefrega come stile di vita! :)

NostraDannus ha detto...

Tutto quello che ha un significato non significa nulla.

La morale è una sola!

(facciamo alla romana però,... e senza apostrofo)

roberto ha detto...

Ritengo corretto dire che alcune cose succedono e basta, secondo me però la maggior parte delle cose che ci capitano hanno un loro perchè, spesso comprensibile solo dopo qualche tempo.Sta a noi decidere se sia necessario "perdere tempo" a cercare spiegazioni o risparmiarne per vivere...

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Non tutte le ciambelle riescono con il buco e così via... Parole sante.

mod ha detto...

ok. con questo post m'hai presa in pieno. mò ti schiaffo anche nel blogroll!!!
love, mod