sabato 18 giugno 2011

PICCOLE FORME DI VITA


Certo che è un bel mistero
Pensate all’universo
A come è grande
Silenzioso e nero
A tutte le sue stelle
Le galassie e i pianeti
Che girano da un tempo infinito
E ancora gireranno chissà quanto.
E pensate che in uno di loro
Esistono forme di vita
Che si sono date un nome da sole.
Si son chiamate esseri viventi
Altro non sapendo di sé stesse
Di essere appunto viventi.
Si sono chiamate uomini
E si sono chiamate intelligenti
Quando si sono accorte
Di sapere di non sapere nulla
E ci sono rimaste male
Vedendo che anche i più capaci
Morivano e marcivano
Come tutti gli altri.
Ma nonostante questo
Ogni mattina
Un brulichìo di uomini
Cammina verso nord
Convinto che sia la strada giusta
E non ha tempo di chiedersi
Come mai
Durante il viaggio
Incontra un brulichio di uomini
Che corre verso sud
Convinti anche loro
Di doverci andare.
Ma non arrivano mai
Girano in tondo
E inevitabilmente
Si ritrovano di fronte
A volte fanno persino amicizia
Più facilmente si detestano.
Fino alla notte
Quando tutti
Anche i più cattivi
Hanno bisogno di dormire un po’.
Queste piccole forme di vita
Che si chiamano uomini
Vivono senza senso né motivo
In uno spazio nero che li ignora
E invece di passare il loro tempo
Abbandonandosi al tiepido piacere
Di un semplice bacio sulla bocca
Pensano sia importante stabilire
Che questo nulla è loro
E guai a chi lo tocca.

2 commenti:

davide idee ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=n0lTt1FVM4A

il giardino di enzo ha detto...

Sei un ganzo, sette ganzo.
Mi hai fatto volare in una quasi filastrocca, amara e vera.
Buone cose a te