sabato 5 settembre 2009

BIGNE' DI CERVELLO


Un giorno, un serial killer, guardando un programma di cucina alla televisione, si appassionò all’arte culinaria.
Lavò il sangue dal suo coltello e smise di uccidere.
Ogni volta che affettava le cipolle, piangeva pensando alle sue vittime.
Non lontano da lui viveva un uomo buonissimo.
Vinceva ogni anno il premio di “Uomo più buono del mondo”.
Ma quell’anno, per la prima volta, arrivò secondo.
Questo fatto fece, per la prima volta, impazzire di rabbia l’ex- uomo più buono del mondo.
Egli riteneva che quel premio spettasse ancora a lui e che il vincitore avesse, in qualche modo, barato.
Fuori di sé per l’ingiustizia subita, l’uomo andò dal serial killer e gli chiese di uccidere il vincitore per poter essere ancora lui il numero uno.
Era disposto a pagare qualsiasi cifra.
L’ex- serial killer, intento a cucinare dei bignè di cervello, si rifiutò dicendo che ormai aveva smesso di uccidere, avendo scoperto che era la cucina la sua vera passione.
Il buono insistette in modo talmente assillante che l’altro lo uccise.
I vicini di casa chiamarono la polizia e l’assassino fu subito arrestato.
Una volta in carcere egli confessò tutti i suoi delitti.
Alla vittima fu assegnato il premio di “Uomo più buono del mondo” alla memoria.
Il serial killer fu condannato alla sedia elettrica.
Dopo l’esecuzione, il suo cervello sembrava un bignè.

7 commenti:

davide idee ha detto...

Un umorismo macabro e 'distaccato' vomr il tuo non poteva che generare un racconto così.

Bellissimo.

calendula ha detto...

mi piace questa storia... a me piace molto anche il cervello...che buono..

Squilibrato ha detto...

Bella questa storia! Come sono approdato da te e ho visto l'immagine... non ho potuto che farla mia!

Povero serial killer... fuorviato dai programmi di cucina.

Maya ha detto...

meravigliosa!

hampjurt ha detto...

geniale, chissà se anche la colorazione del bigné si avvicinava al giallino della crema del ripieno.

Ale ha detto...

basta un niente per passare da un estremo all'altro..

∞? ha detto...

perché quando finisco di leggere un tuo post rimango sempre di stucco?

Sarà per il finale inaspettato, sarà perché il connubio killer e bignè è al quanto clandestino, sarà perché storie del genere non le ho mai lette fino ad ora...bho, sarà, ma io rimango sempre così :0