sabato 23 maggio 2009


Prima di toglierti il corsetto Spogliati del concetto Di sesso e amore. Nel mio nuovo locale Senza posti a sedere Si consuma solamente il piacere. Mi piace la tua pelle Ne hai su tutto il corpo E la tua zona erogena Sono i miei polpastrelli Che arrivano ovunque Dalla punta dei piedi Ai tuoi lunghi capelli. Socchiudi le labbra E lascia che la lingua Faccia ciò per cui è stata creata Non parlare, ma solo gustare. E i capezzoli e le cosce Le mani ed il ventre La schiena, i glutei E i seni ripieni Da dove vengono? A cosa servono? Anche gli occhi Non sono fatti per guardare Ma per parlare in silenzio Il linguaggio del piacere. Il mio locale è legale E non c’è nulla da pagare Se vuoi entrare Devi solo avere voglia Non c’è nulla di male Ci si spoglia Ci si tocca Ci si bacia Ci si prende Ci si lascia per prendersi ancora. Ci si penetra l’anima e il corpo. Senza il senso di colpa Non ti servirà il male Per giungere al piacere. Nel mio nuovo locale Puoi provare a godere Senza i trucchi della mente. Puoi provare il piacere naturale Senza gli additivi e i conservanti. Vi aspetto numerosi Vestiti decorosi e senza guanti.

13 commenti:

NERO_CATRAME ha detto...

Locale che avrà sicuramente una gran fila per entrare,ma mi choiedo quanti saranno quelli che sono capaci di spogliarsi veramente.
Dunque Lorenzo per il pic nic sul mio tetto di casa per ora siamo in tre,futuri sposi,abbiamo tutto,il tetto,il pane e il capocollo,il più sarà scendere.

daunfiore ha detto...

Certo senza guanti.

ashasysley ha detto...

Bel Locale Lorenzo. Vorrei proprio esservi. Potermi lasciare trasportare da chi, finalmente, riesce a saper amare senza egoismi di sorta.
Mi spoglierei dolcemente, anche della mia Anima Dannata e annullerei la mia Mente per poter ascoltare solo il mio corpo e il mio piacere.
E ora dimmi. Sei veramente in grado di darmi questo?

Squilibrato ha detto...

La porta è sempre aperta. Mi addentro per aggrapparmi al piacere naturale.

Mi tessero.

ashasysley ha detto...

Un bacio lieve su tutto quello che è stato parole e sentore.
Perchè per una notte sono stata ciò che ho desiderato.

Ballerotta bohémien ha detto...

siamo tutti in fila, sono tutti in coda, saremo tutti uno dietro l'altro...
appoggio nero catrame sul quanti saranno quelli capaci di spogliarsi realmente...

metrovampe ha detto...

Inchiostro rosso primizia. Wow l'immagine!

Roberta ha detto...

Meravigliosi versi, delicati sublimi e così profondamente veri!
Se trovo la strada per quel locale ci entro!

Lucykaia ha detto...

bellissimo

darksecretinside ha detto...

Wouuuuuuuuuuu!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Gratis?
Sicuro?
Sto arrivando!

giardigno65 ha detto...

fantastico !

Aysedicartavelina ha detto...

entro nel locale mi siedo, di fianco il mio pacchetto di kim al mentolo, in una mano il mio calvados caldo e profumato e osservo arrivare la pantera nera , lucida e fiera, pare sorniona e pigra ... mollemente si allunga e distende gli artigli ... ha quattro mosche con cui intrattenersi ... e le sevizierà così, per la sola voglia di giocare ... - sarò un gatto stanotte - dice muovendo le orecchie ... il caldo mi rende indolente

buoan giornata
un sorriso
aysedicartavelina

Nicole ha detto...

Dov'è? Vengo a scovarti!:)

P.S.
Non temere...sono molto timida e non invadente in realtà:)